“Sono le storie quelle che contano, non le frontiere o i passaporti”. Ora la Brexit mobilita anche quattro scrittori britannici da milioni di copie in tutto il mondo: Ken Follett, autore dei Pilastri della terra, Jojo Moyes, regina dei romanzi rosa, Kate Mosse, la scrittrice del best-seller I Codici del Labirinto, Lee Child, creatore del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Nel Medio Oriente “50 miliardi Usa non fanno la pace”

prev
Articolo Successivo

Che teatro alla Scala: soprintendenti d’opera buffa

next