C’è una conversazione intercettata nell’inchiesta di Perugia che illumina il conflitto tra due pm importanti della Capitale: Paolo Ielo e Stefano Fava. Il 16 maggio, mentre il trojan registra, Fava consegna al collega Luca Palamara le carte (pubbliche) sugli incarichi dell’avvocato Domenico Ielo, fratello del pm. Sono le consulenze ottenute dalla società in amministrazione straordinaria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Csm, il pm Di Matteo si candida con Davigo: “Contro le deviazioni clientelari, cambiare rotta”

prev
Articolo Successivo

SeaWatch, no della Corte Ue. “Nessun diritto allo sbarco”

next