Alessandro Di Battista ha tutto il diritto di scrivere un libro. Per giunta un buon libro, Politicamente scorretto (Paper First), di cui ovviamente quasi tutti noteranno solo quelle tre o quattro frasi – per costruirci sopra cagnare – senza soffermarsi su quella che è la tesi provocatoria: ovvero il “nuovo fascismo”, che l’autore non identifica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Caro Zinga, ora fa’ qualcosa di sinistra

prev
Articolo Successivo

Lotito, Lotirchio, Lotutto: declinazioni di un uomo “avulso”

next