Masterclass e presentazioni a cura di Francis Ford Coppola, Jane Campion, Nicolas Winding Refn. E ancora omaggi a Jean Gabin, Eduardo De Filippo, il più grande (finora) regista arabo Youssef Chahine, ai maestri del continente sub-sahariano (Cissé, Dikongué Pipa e D. Diop Mambéty), per non parlare della retrospettiva a Henry King e quelle dedicate alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Temete la “sozza fama”. Parola di Leonardo

prev
Articolo Successivo

Le convergenze Cgil-industriali e altre cose a cui ci si può abituare

next