La poesia ha cantato a lungo il destino di Odisseo dopo il ritorno a Itaca. Insaziato ricercatore di terre nuove, dopo che il destino l’aveva costretto a vent’anni di peregrinazioni. Dante lo pone sì tra i consiglieri fraudolenti, ma gli attribuisce una nobiltà spirituale non giustificata né dall’Iliade né dall’Eneide. Altra cosa è l’Odissea: ove […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Io e Sacchi a torso nudo in mezzo agli hooligans Allegri? Soffre per la Juve”

prev
Articolo Successivo

Temete la “sozza fama”. Parola di Leonardo

next