Quale scrittore bibliofilo non ha desiderato almeno una volta di essere il primo a scovare un manoscritto inedito tra gli scaffali impolverati di una qualche remota biblioteca? E quanti letterati hanno bramato di vantare una genealogia degna della loro passione? Ambizioni improbabili ma non impossibili. Lo dimostra il curioso caso dell’italianista, originario di Bassano del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Wertmüller, è rinata una Stella

prev
Articolo Successivo

La vita di Edith e quelle posizioni “da difendere”

next