Il 23 gennaio 2009 il Fatto non esisteva ancora, se non nella mente e nelle speranze di un pugno di giornalisti stufi della censura e dell’autocensura dei giornaloni. Chi scrive collaborava ancora con l’Unità. E raccontò in beata solitudine la storia di Gabriella Nuzzi, la pm di Salerno appena punita dal Csm insieme al collega […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Cattiveria

next