C’è anche nome del vicepresidente del Csm David Ermini negli atti d’inchiesta di Perugia. E proprio alla luce di queste altre notizie, oggi, l’indagine della Procura umbra rischia di avere un impatto devastante sull’intero Csm. Dall’inchiesta emerge che il numero due del Csm Ermini non risultava sufficiente collaborativo agli occhi del consesso rappresentato, sul versante politico, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Inosservanza dei sistemi di sicurezza” Indagati il pilota e il comandante

prev
Articolo Successivo

Bufera nel Csm, il vicepresidente va al Quirinale

next