È reato la vendita di prodotti derivati dalla cannabis. La pronuncia della Cassazione a sezioni riunite è arrivata nel pomeriggio di ieri: “La commercializzazione di cannabis sativa e, in particolare, di foglie, inflorescenze, olio, resina, ottenuti dalla coltivazione della varietà sativa della canapa, non rientra nell’ambito di applicazione della legge 242 del 2016, che qualifica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pd vs Lega: 28,6% – 26,74%

prev
Articolo Successivo

“Centinaia di negozi oggi non apriranno: si temono denunce”

next