Trecentosessanta bazooka e 415 missili anticarro ucraini destinati al ministero dell’Interno dell’Arabia Saudita, a Gedda, sono partiti ieri dal porto di Monfalcone (Gorizia). A curare la spedizione, Bahri Bolloré Logistics, joint venture fra il gruppo francese Bolloré e la società parastatale araba Bahri, la stessa che arma la Yanbu, a cui dieci giorni fa i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tra la Capitale, la Sicilia e Milano

prev
Articolo Successivo

Perché solo in Italia il sole non ride

next