» Politica
sabato 25/05/2019

Elezioni europee 2019, non solo Conte: i governi di mezza Ue appesi al voto. Compresi quelli di Merkel e Macron

L’impatto nazionale influenzerà le nomine
Elezioni europee 2019, non solo Conte: i governi di mezza Ue appesi al voto. Compresi quelli di Merkel e Macron

Sono elezioni europee, ma sono anche elezioni nazionali. Non soltanto in Italia. La consultazione già in corso in Olanda e Gran Bretagna che si chiude domani sera stabilirà anche i rapporti di forza in molti Paesi. A cominciare dallo Stato in cui nemmeno si doveva votare, il Regno Unito la cui Brexit è stata rimandata: la premier Theresa May ha annunciato l’addio, il voto chiarirà il nuovo contesto. Il Brexit Party del redivivo Nigel Farage (fu lui a guidare la campagna per il leave al referendum 2016) punta a essere il primo partito. Ma questa volta alle urne ci sono anche forze dichiaratamente pro-Europa, a cominciare dal movimento trasversale Change-Uk. La posta in gioco, per gli inglesi, è la possibilità di un secondo referendum sulla Brexit: dipenderà sia dai risultati interni sia da quale Parlamento e Commissione europea emergeranno dalle urne.

Anche la seconda fase del complicato mandato di Emmanuel Macron è appesa alle elezioni europee, primo test alle urne dopo il disastro dei Gilet gialli. Negli ultimi sondaggi disponibili, in Francia il primo partito è il Ressemblement National di Marine Le Pen con il 24%, che equivale a 22 seggi a Bruxelles, mentre La République en Marche di Macron insegue a 22,8 (21 seggi). Il distacco è inferiore all’errore statistico dei sondaggi: un sorpasso di Macron sarebbe un trionfo, arrivare secondo una sconfitta. L’Eliseo ha già chiarito da tempo di non riconoscere il sistema degli Spitzenkandidaten per la Commissione. Tradotto: Macron vuole il ritorno al passato, saranno i governi riuniti nel Consiglio europeo a scegliere il presidente della Commissione, non i partiti e gli elettori. La Francia spera di essere decisiva, magari a favore di un francese come Michel Barnier, ex commissario, negoziatore per la Brexit, che è in quota Partito popolare.

In Germania potrebbe cadere il governo di Angela Merkel, a seconda del risultato. Nel 2014 i socialdemocratici della Spd avevano ottenuto un sontuoso 27 per cento che aveva permesso loro di confermare il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz. Oggi, anche per le scelte di Schulz, che ha accettato l’ennesima grande coalizione (in Europa e in Germania), arrancano dieci punti sotto. Un tracollo della Spd alle Europee e la perdita delle elezioni locali a Brema può far ritirare il sostegno socialista alla grande coalizione e innescare il percorso verso elezioni nazionali. La carriera tedesca della Merkel sarebbe così finita. Chi la conosce assicura che non voglia altre sfide e che sia orientata a godersi la pensione, tra Berlino e Ischia, ma il suo potrebbe anche essere un nome di peso per la guida del Consiglio europeo. Magari anche soltanto da agitare nelle trattative così da tentare il colpo (improbabile) di piazzare il banchiere centrale tedesco, Jens Weidmann alla Bce. Ieri è uscita l’indiscrezione che il blocco dei Paesi di Visegrad, guidati dalla Polonia, avrebbe chiesto proprio alla Merkel la disponibilità per il Consiglio. Ma potrebbe essere solo una voce da campagna elettorale.

Il partito della Merkel – la coalizione Cdu-Csu, soffre –, insidiato dall’estrema destra di Afd: un successo di Alternative für Deutschland alle Europee potrebbe contribuire al caos e a spostare ancora più a destra la linea di Annegret Kramp-Karrenbauer, erede della Merkel alla guida della Cdu. Afd però si considera il vero bersaglio della operazione che ha terremotato il governo dell’Austria, con il ministro Heinz-Christian Strache (della destra di Fpo) ripreso da telecamere nascoste mentre si mette a disposizione di una finta oligarca russa. Una mossa da professionisti, pensano quelli di Afd, che potrebbe essere stata messa in piedi dai servizi segreti tedeschi per delegittimare i sovranisti del Paese vicino in modo da screditare anche quelli domestici.

Il leader più anti-russo d’Europa è Jaroslaw Kaczynski, capo del partito Pis in Polonia e vero padrone del governo di Mateusz Morawiecki. Dopo lo scandalo in Austria, Kaczynski è ancora meno disposto ad allearsi in Europa con sovranisti vicini a Mosca e punta verso l’intesa con Matteo Salvini per creare una gamba destra del Ppe, grazie al ponte del furbissimo ungherese Viktor Orbán. Kaczynski però potrebbe vacillare dopo le Europee, che in Polonia sono viste come la prova generale delle elezioni politiche di ottobre: nei sondaggi la destra ultracattolica e nazionalista del Pis è testa a testa con una trasversale Coalizione europea che potrebbe anche risultare primo partito. I governi di tutta l’Europa che conta sono appesi al voto di domani.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Laburisti in vantaggio

Gli exit poll olandesi fanno esultare Zingaretti e il Pd

Festa anticipata per il segretario del Pd Nicola Zingaretti. Che ieri mattina ha commentato così gli exit poll del voto in Olanda: “Grande Frans Timmermans! Belle notizie dalla tua Olanda, con i laburisti in testa e zero seggi per i sovranisti alleati di Salvini che vogliono distruggere l’Europa e affondare l’Italia. Ci vediamo oggi a Milano!”. Ieri infatti il leader dem ha chiuso la campagna elettorale nel capoluogo lombardo insieme al capo dei laburisti olandesi, probabili vincitori delle Europee ad Amsterdam. Al contrario il partito sovranista di Wilders – che sabato scorso era sempre a Milano, ma con Matteo Salvini – avrebbe portato a casa una sonora sconfitta, fermandosi al 4 per cento.

Zingaretti non è stato il solo a commentare. Per Paolo Gentiloni “è stato un buon inizio”, per Carlo Calenda i dati olandesi sono un “segnale incoraggiante e fanno vedere che populisti e sovranisti in Europa non conteranno assolutamente nulla”, mentre per il governatore toscano Enrico Rossi “saremmo in presenza di una tendenza nuova in Europa, tale da sgonfiare l’avanzata dei nazionalisti e dei populisti”.

Politica

Poltrone europee, Tusk fa tappa in Italia

Politica

Pacco-bomba a Lione: 13 feriti Macron: “Città sotto attacco”

Lo strano senso dei renziani per i 5Stelle
Politica
Strategie

Lo strano senso dei renziani per i 5Stelle

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×