Sotto lo striscione del traguardo, alla ragguardevole quota di 2.247 metri, i corridori arrivano stravolti, in debito d’ossigeno. Attorno, montagne severe, neve a metri e piccole memorie storiche di scorribande reali. Infatti il Giro ieri è approdato a Ceresole Reale, dove il lago Serrù ha il colore del gelo e dove Vittorio Emanuele II andava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pedro in fuga, seguito da Malick e Tarantino

prev
Articolo Successivo

San Carlo, l’orrendo restauro di Nastasi. Con Muti complice

next