“Ho deciso di chiudere la campagna elettorale per le Europee facendo una cosa nuova. Non a Milano, non a Roma. La chiudo in Emilia, a Castel San Giovanni perché questa è terra d’azienda, d’artigianato, dalle parole ai fatti”. Parte da un paese di 14mila abitanti scarsi nella provincia piacentina la (possibile) conquista leghista dell’Emilia Romagna. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Macerie, soldi e cantieri fermi. Tutti alle urne contro Pirozzi

prev
Articolo Successivo

Lo strano prefetto di Viterbo: tifa per Salvini e Lega

next