“Mi dimetto, ma non oggi”. La resistenza di Catiuscia

Umbria - Il consiglio regionale ieri ha salvato la presidente indagata, che vota contro le sue dimissioni: “Decido io quando andarmene”
“Mi dimetto, ma non oggi”. La resistenza di Catiuscia

Da quando gli italiani si sono accorti che esiste l’Umbria, a Perugia non c’è più pace. Perché tutti ne parlano, tutti vogliono ora sapere se sono corrotti come gli altri e, nel caso, se Catiuscia Marini, la governatrice, si dimette. Lo chiede anche il suo segretario, Zingaretti. Catiuscia, da quando era in fasce, è stata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.