Arriva in anticipo e quasi si scusa, poi si siede a un tavolino del foyer del Quirino di Roma, dove è in scena, e dopo appena cinque minuti estrae dal pacchetto una sigaretta. Non l’accende. Ci gioca con le mani per stemperare una nota di disagio (“mi sento sempre in discussione”) e non si appella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La mia Africa è di popoli liberi

prev
Articolo Successivo

Anche il rivale Tarantino plaude Yinan: la Cina è vicina alla Palma

next