“I social media alimentano quella che io chiamo politica dell’identità, ci permettono di interagire solo con chi è d’accordo con noi e silenziare tutti gli altri, alzando barriere tra comunità identitarie”. Francis Fukuyama insegna a Stanford, da quando ha pubblicato il suo libro del 1992 La fine della storia e l’ultimo uomo è forse il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sea Watch, sbarcano solo i minori. “Porti chiusi” e polemiche Lega-M5S

prev
Articolo Successivo

A difesa della Carta restano gli studenti

next