Aveva gli occhi chiari, con un’impronta metallica, quasi d’acciaio. “Freddi, come quelli di un cane husky” scrissero una volta di lui. Per coincidenza, l’animale preferito da Gianni Agnelli e da sua moglie Marella. E dell’Avvocato, Gianluigi Gabetti era stato forse il più fedele servitore; stratega e regista dei salvataggi della dinastia e dell’azienda nei momenti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Frode sull’Iva, blitz della GdF dal senatore FI Biasotti & C.

prev
Articolo Successivo

La sharing economy era una bolla

next