A Report hanno cambiato idea: da No a Sì Tav. Due gli elementi che sembrano aver portato alla “autocritica”: 1) il progetto è stato modificato e i lavori sono in corso; 2) le condizioni di sicurezza del traforo esistente non sono accettabili. Non vi è dubbio che il progetto sia stato modificato né che una parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Omertà e interessi su Xylella”. Il giudice stronca gli scienziati

prev
Articolo Successivo

Quello che è Stato è stato: l’interesse pubblico non è il Pil

next