Nel corso del tradizionale comizio del 1 maggio, il neosegretario della CGIL Maurizio Landini ha lanciato la proposta della costituzione di un unico grande sindacato: non è più tempo di divisioni anacronistiche per affrontare le sfide aperte dalle trasformazioni della contemporaneità al mondo del lavoro e dei lavoratori. Sembra una questione della postmodernità, eppure il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quando la Storia manda a dire: “L’Italia come Weimar nel 1933?”

prev
Articolo Successivo

Che bello se gli animali votassero

next