La riflessione personale che propongo sul “caso” della sindaca di Roma, Virginia Raggi, richiede qualche necessaria premessa. Non sono un elettore dei Cinque Stelle e neppure un sostenitore del loro Movimento. Per dovere di onestà intellettuale riconosco di averli considerati con attenzione e con curiosità. Non mi sono mai associato alla furiosa canea scatenata da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il 25 aprile è la prova: Salvini non è un genio

prev
Articolo Successivo

Quello che… i Michele Serra non dicono

next