“Leone? Era un genio egocentrico. Eastwood per lui era uno stronzo”

Sergio Donati - A 30 anni dalla morte del regista, il suo sceneggiatore lo ricorda: “Un caratteraccio”
“Leone? Era un genio egocentrico. Eastwood per lui era uno stronzo”

Sul set insieme, Cinecittà o la Spagna, anche mesi senza discontinuità nel ciak (“Era un perfezionista mai contento”); le lunghe stesure dei copioni, le battute limate, le litigate non si evitavano (“spesso ci mandavamo a quel paese. Che caratteraccio”), così come il ritrovarsi e via con un nuovo progetto insieme, e via ancora con un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.