Ho promesso un secondo articolo dedicato a Nino Rota in occasione dei quarant’anni che ci ha lasciato. Il primo era dedicato al grande compositore per film e alla sua simbiosi con Fellini. Adesso debbo parlare del compositore “assoluto”. Il suo catalogo è immenso perché egli era tanto portato alla musica da non poter stare senza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Amici, incontri e cattiverie: l’arte in ventisei ritratti

prev
Articolo Successivo

Mondo al rovescio: Greta s’incazza per le canne di sua madre

next