Senza scomodare Platone e i suoi richiami al “buon politico” di non cadere “nella vertigine del vizio”, già le cronache mondane del conte Robert de Montesquiou della Parigi della Belle Époque come pure i romanzi di Oscar Wilde (Teleny tra tutti) e le celebri affiches di Henri de Toulouse-Lautrec durante le serate trascorse al Moulin-Rouge […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vampiri e yeti non sono mai stati così simpatici

prev
Articolo Successivo

Purgatori in missione tra la Luna e la nostalgia

next