Vorrei urlare il suo nome. Ma non posso. Capita, nel mio mestiere, di incrociare la disperazione e non saper cosa fare: devo aiutarla, ma come? La lettera di Monica (il nome è di fantasia) mi è arrivata via Twitter dal suo attuale compagno. Sì, proprio quei social di cui si parla solo come luogo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Rustichelli, il “fuori ruolo” non cambia mai

prev
Articolo Successivo

La Cassazione ferma i boss: “Niente Skype ai 41-bis”

next