Sanità Umbria, l’ultimo passo falso: la delibera-monstre che portò alla retata. Ecco perché Marini ha dovuto lasciare

Dal concorso truccato pure per i disabili alle intercettazioni imbarazzanti: ecco perché la presidente ha dovuto lasciare
Sanità Umbria, l’ultimo passo falso: la delibera-monstre che portò alla retata. Ecco perché Marini ha dovuto lasciare

Nessuno può restituire a Roberto B. quel posto di lavoro che probabilmente, se il Pd umbro non avesse innescato le sue pressioni e le sue raccomandazioni nei concorsi, gli sarebbe spettato per merito. “Un disabile vero, poverino”, diceva di lui la presidente della commissione, Rosa Maria Franconi. Nessuno può restituirgli quel probabile posto di lavoro. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.