Nessuno può restituire a Roberto B. quel posto di lavoro che probabilmente, se il Pd umbro non avesse innescato le sue pressioni e le sue raccomandazioni nei concorsi, gli sarebbe spettato per merito. “Un disabile vero, poverino”, diceva di lui la presidente della commissione, Rosa Maria Franconi. Nessuno può restituirgli quel probabile posto di lavoro. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pd, la spinta di Zingaretti: Marini costretta a dimettersi

prev
Articolo Successivo

Mafia Capitale, quei 39 “non ricordo” costano il processo alla dem Campana

next