Antonio Vaccarino, nato a Corleone nel 1943, con la famiglia gestisce una delle sale da cinema più antiche di Sicilia. Prima o poi qualcuno dovrà fare un film sulla sua storia. L’ultima scena è ambientata proprio nel cinema di Castelvetrano dove si incontrava con il tenente colonnello della Dia che poi gli passava (via mail!) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Messina Denaro, indagini ostacolate da due militari

prev
Articolo Successivo

Circumvesuviana: “Ci fu violenza sessuale. La ragazza reagì mordendo uno dei tre ”

next