Considerando che la musica indie è divenuta mainstream (vedi Calcutta o Thegiornalisti) e l’hip pop, il rap e la trap praticamente sono il “nuovo pop”, forse a essere underground oggi sono le opere concettuali, come questo A Perfect Cut in the Vacuum di Paolo Tarsi, uno che, si potrebbe dire, “scrive per le generazioni future”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Billie Eilish, una stella a rischio esplosione

prev
Articolo Successivo

Cattelan torna sulla Terra: un giovedì basta e avanza

next