La nona protesta di piazza in otto settimane di mobilitazione si svolge sotto la pioggia battente e il crepitare degli slogan: “Rama ha rubato i nostri soldi, Rama ha rubato i nostri voti”. Lulzim Basha, capo del Partito Democratico e dell’opposizione, sotto la sede sprangata del primo ministro, batte sul tasto delle elezioni anticipate, ma, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fuga da Berlino: è troppo cara

prev
Articolo Successivo

Anche l’auto elettrica funziona a sfruttamento

next