Dietro ogni parola c’è una storia. A svelarcela è Marella Nappi che per “Einaudi Ragazzi” ha appena pubblicato Che bella parola con le illustrazioni di Sara Not. Un libro per andare all’origine delle parole di ieri e di oggi. E così scopriamo che “scuola” che di solito i ragazzi associano a pena, obbligo e ansia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Hellboy, il fumetto infernale e perfetto di Mike Mignola non invecchia mai

prev
Articolo Successivo

I “tre tenori tv” al Costanzo show esalano aromi termali

next