Alla fine di un Consiglio dei ministri durato tre ore il governo non riesce a risolvere il nodo dei “truffati” delle banche. E così si sceglie la solita strada: la grana passa al premier Giuseppe Conte, che avrà il compito di convincere le associazioni ad accettare le modifiche alle norme sui rimborsi. Quelle chieste dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Di Maio cerca i cattolici moderati

prev
Articolo Successivo

Nuovi dispetti: bloccata la nomina di Bugno all’Asi

next