Una misteriosa Organizzazione criminale e una Casa assai sospetta vicino a un fiume, forse il Tevere a ponte Testaccio, quello di Accattone di Pier Paolo Pasolini. E una attricetta folle e cattiva, un economista più di nome che di fatto. Poi, soprattutto, ecco la “realtà pura”, dove “la vita di un uomo dura soltanto un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Fritti tutti: Apollinaire si cucina i “masterchef” del Novecento

prev
Articolo Successivo

La grande prova

next