Che circo: Dumbo e Burton vittime del politically correct

Il cartone del 1941 non è l’unico a diventare film: dopo “Il libro della giungla” arriveranno “Aladdin” e “Il Re leone”. Oltre l’operazione commerciale c’è di più?
Che circo: Dumbo e Burton vittime del politically correct

Un Dumbo revisionista, buonista ed ecologista: “Il classico d’animazione è amato da tutti, ma ha caratteristiche non attuali, come gli stereotipi a sfondo razziale”. Sicché la Casa di Topolino ha commissionato un remake politically correct e con attori in carne e ossa, e l’ha affidato a un regista celebre e celebrato: Tim Burton, che dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.