In questi giorni il padrino del Blues britannico, John Mayall, è in Italia per il suo nuovo tour: la coda di cavallo l’ha tagliata ormai da un pezzo, le canottiere riposte nei cassetti, sostituite da sobrie camicie che più si confanno a una persona di una certa età. Ma la grinta e la voglia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

“Prima mi fidavo delle cartomanti, ora solo dei libri”

prev
Articolo Successivo

Alberto Matano, la parabola del mezzobusto che diventò selfie

next