Di Maio simula: “È andata bene”. Poi accusa tutti

Contro Di Battista: “Viaggi? Non è il caso”. Il vicepremier festeggia: “Li abbiamo battuti” e avvisa il Carroccio: “Serve un chiarimento”
Di Maio simula: “È andata bene”. Poi accusa tutti

Sorride e giura che per carità, il M5S non ha mica perso. Però subito dopo morde senza citarlo il trascinatore sparito dai radar, Alessandro Di Battista, a cui ricorda che “non è il caso di fare viaggi”. Poi promette che il governo durerà quattro anni, “basta rispettare il contratto”. Ma in serata fa sapere che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.