“Marianne mi ha commosso profondamente e due o tre volte ho pianto”. Era la sera del 18 febbraio 1876, un venerdì, quando Gustave Flaubert confidò a George Sand il suo apprezzamento per il libro che la scrittrice francese gli aveva inviato. L’autore di Madame Bovary lo aveva letto tutto d’un fiato, poco dopo avere concluso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“A vent’anni ne dimostravo 40: suonavo la chitarra, ma rimorchiavano gli altri”

prev
Articolo Successivo

Addio a Marcello Conati, il miniaturista che smontò tutte le fake news su Verdi

next