Per Renzo Arbore, uno che se ne intende, non ci sono dubbi: Mario Marenco era il più bravo di tutti e l’ha dimostrato fino all’ultimo, andandosene alla chetichella nell’ultima domenica d’inverno, l’altra domenica. È stato un arborigeno della prima ora, imprinting radiofonico con Alto Gradimento, personaggi-tormentoni a raffica, e poi presenza fissa televisiva: mister Ramengo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Per Paolo Maurensig: “Il gioco degli dèi” è sempre a scacchi

prev
Articolo Successivo

La cattiveria 0323

next