Fidesz, la formazione di governo del premier ungherese Viktor Orban, viene sospeso dal Partito popolare europeo (Ppe), di cui è membro in Ue. Sospeso, non espulso. Il segno che alla fine, il compromesso è stato raggiunto e che Orban non ha ancora deciso lo strappo che potrebbe portarlo verso l’alleanza con formazioni euroscettiche o sovraniste. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gaza e il tradimento di Hamas

prev
Articolo Successivo

“Brexit è stato un sintomo, May ha diffuso la malattia”

next