“È solo uno che s’è venduto: noi le mele marce le cacciamo”

Il capo politico gioca in difesa: “Il Movimento resta diverso dai partiti. Perché Zingaretti non ha detto di essere indagato?”
“È solo uno che s’è venduto: noi le mele marce le cacciamo”

Giura che non ci sono analogie tra gli arresti di membri del Pd e quello del 5Stelle Marcello De Vito. E non si pente per quei comunicati contro il segretario del Pd Nicola Zingaretti poche prima. “Noi le mele marce le cacciamo subito”, ripete il capo politico del Movimento, Luigi Di Maio, tra una riunione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.