L’“Adelphiana” di Giorgio Manganelli, intesa come la serie apparentemente infinita di scritti a volte persino negletti o dimenticati del più imaginifico scrittore italiano del Novecento, continua con l’uscita odierna di una piccola, effimera, trasparente bolla editoriale dal titolo Esiste Ascoli Piceno? Il volumetto nasce dell’unione tra lo scherzo, come si chiamano certe composizioni musicali d’indole […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quando c’era lui, i treni (non) erano puntuali

prev
Articolo Successivo

“La verità sul caso Harry Quebert”: come la serie tv intacca il mistero

next