Il prossimo 1 aprile il Parlamento europeo voterà la direttiva che istituisce un mercato dei crediti deteriorati (Npl) i cui impatti sono preoccupanti e imprevedibili. Mancano circa 9 settimane alle elezioni europee, e all’ultimo minuto, relatori Gualtieri (Pd) e de Langhe portano alla votazione un testo con una formulazione complessa, farraginosa e, soprattutto, senza alcun […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Così l’austerity ha massacrato Comuni e Regioni

prev
Articolo Successivo

Autobrennero, lo Stato ricattato dai politici locali

next