È difficile rimanere lucidi di fronte alla notizia del maestro di una scuola di Foligno che fa le sue “sperimentazioni didattiche” e osa una “provocazione” ai danni di due bambini di origine nigeriana, un fratello e una sorella, definiti “brutti” e, pare, “scimmie”, e costretti a fare il giro delle aule per una ostensione umiliante. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pd, se non ora quando con il M5s?

prev
Articolo Successivo

Da Silvio a Matteo, viva la retorica

next