In tempi nei quali tutto si affastella e si annulla, in un costante bombardamento di informazioni e modalità di consumo da fast food culturale, la sola esistenza di un progetto musicale come i Massimo Volume regala una sensazione di conforto. Emidio Clementi (basso e voce narrante), Egle Sommacal (chitarra) e Vittoria Burattini (batteria) sono abituati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Delta V, il ritorno: lotta di classe ed elettronica

prev
Articolo Successivo

I brani “contaminati” dei visionari C’Mon Tigre

next