La cultura europea non è mai stata chiusa, bensì al contrario, ha sempre tenuto aperte le porte a stimoli esterni, integrando saperi, e in ambito musicale, suoni, provenienti da tutto il mondo. È questo l’assunto su cui basano la loro visione artistica i C’Mon Tigre, duo italiano attorno al quale ruotano musicisti provenienti da più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mettiamo la poesia al Massimo Volume

prev
Articolo Successivo

Giletti-Salvini e l’adorazione del conduttore del popolo

next