“Questo è un disco non previsto”. Dodici anni dopo l’ultimo album Pioggia.Rosso. Acciaio Carlo Bertotti e Flavio Ferri raccontano la scintilla capace di riunirli nuovamente: “Stavo lavorando a un progetto”, ricorda Carlo, “e ho conosciuto Martina Albertini. Le ho fatto ascoltare alcune canzoni – senza pensarci troppo – e lei ha iniziato a cantarle. Da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Ero la musa di Chet, ora vivo da emarginata”

prev
Articolo Successivo

Mettiamo la poesia al Massimo Volume

next