La parola giusta è “sovversivo” o “anarchico”? La domanda viene da una storia vera. È la storia di un giovane sovversivo (o forse anarchico) morto a Pisa a vent’anni nel 1972, dopo un pestaggio violento delle forze dell’ordine, in un giorno di scontri urbani. Corrado Stajano, autorevole giornalista allora, autorevole giornalista (e scrittore importante) adesso, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Parlamento compie 158 anni

prev
Articolo Successivo

Da Satana alla Diciotti, riecco il Medioevo

next