“Mi sento come un uccello di fuoco!” dichiarava il cameriere filosofo Fernando dopo la romantica cena con Rosalba, la moglie fuggita dalla monotonia famigliare verso una Venezia da favola. Era il 1999 e Pane e tulipani diretto da Silvio Soldini aveva consacrato Bruno Ganz al grande pubblico italiano: il suo personaggio del gentiluomo assoluto arrivato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Attore grazie a un amico, amo il dubbio e rosico se mi danno del fascista”

prev
Articolo Successivo

Orso d’Argento a “La paranza”. Saviano lo dedica alle Ong

next