La totalità si esprime nell’immediatezza. Nulla che possa essere già conosciuto può farsi ri-conoscere e solo l’espressione, dunque – l’istante nell’immediato, la freccia che scocca dall’arco di un dio – avvia il fondamento della sapienza. L’immediatezza è nell’espressione, è l’oralità pre-alfabetica della misteriosa origine del logos ed è l’insegnamento di Giorgio Colli (Torino, 16 gennaio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il giallo ai tempi del populismo: il cattivo è razzista e manipola le masse

prev
Articolo Successivo

Il Barocco “indicibile” dell’Umbria

next