» Economia
domenica 03/02/2019

In crociera a spese della Uil, niente querela e il processo per appropriazione indebita si estingue

Attuale ed ex segretario pagavano gioielli e viaggi coi soldi del sindacato che però decide di non querelare: così il giudizio non può andare avanti
In crociera a spese della Uil, niente querela e il processo per appropriazione indebita si estingue

Il Tribunale di Roma non potrà far luce sugli oltre 18 mila euro spesi dai vertici della Uil per acquistare una crociera “Costa Atlantica – Terra dei Vichinghi”. E neanche sugli acquisti effettuati nelle boutique Swarovski di Roma. I tesserati del sindacato non sapranno mai se il segretario generale Carmelo Barbagallo e l’ex segretario Luigi Angeletti utilizzavano legittimamente i soldi dei lavoratori, mentre viaggiavano tra i mari del Nord Europa. Perché il processo che vede i più alti dirigenti dell’Unione Italiana dei Lavoratori difendersi dall’accusa di appropriazione indebita è definitivamente morto. Per comprenderne il motivo occorre ritornare al 21 marzo scorso, quando nonostante la sconfitta elettorale del Pd, il governo guidato da Paolo Gentiloni aveva modificato le norme in materia di procedibilità di alcun reati, ad esempio l’appropriazione indebita: l’accusa non può procedere d’ufficio se le presunte vittime non denunciano. Si tratta di un decreto legislativo molto discusso, anche per la vicenda legata al cognato di Matteo Renzi, che insieme ai suoi fratelli era indagato dalla Procura di Firenze anche per appropriazione indebita.

Tra i processi falcidiati dalla legge, anche quello di Umberto Bossi e del figlio Renzo per i fondi della Lega. E ora c’è quello ai vertici della Uil perché, nonostante le sollecitazioni del giudice, che aveva fissato un termine per la presentazione della querela, il sindacato ha preferito non presentarla e il processo è stato quindi dichiarato estinto. Del resto, l’attuale segretario generale, Carmelo Barbagallo, era uno dei principali accusati. Al suo fianco, seduti sul banco degli imputati, ci sono anche l’ex segretario Luigi Angeletti e altri tre esponenti dell’Unione italiana dei lavoratori. Tra gli indagati c’era anche l’ex tesoriere Goffredo Patriarca: scomparso lo scorso anno, era accusato di aver effettuato quattro acquisti per un totale di 7 mila e 76 euro “presso l’esercizio commerciale ‘Swarovski’ di Roma con addebito delle spese su carta di credito intestata alla Uil Trasporti”, si legge nel capo d’imputazione. Per gli altri invece le accuse si riferiscono a vario titolo ad alcuni viaggi. Il 22 marzo 2010, ad esempio, furono spesi 18.456 euro per una crociera “Costa Atlantica – Terra dei Vichinghi”. E ancora il 27 maggio 2011, quando con due bonifici da 8.192 euro fu acquistata la “Crociera Favolosa”. Altri 16.595 euro furono invece spesi nel 2012, per una “crociera nei mari dell’Europa del Nord (Costa Deliziosa)”. “Le crociere (…) avevano lo scopo di consentirci di discutere in maniera approfondita, e per più giorni, di importanti tematiche relative principalmente al blocco dei contratti del pubblico impiego e delle politiche previdenziali”, aveva spiegato Angeletti ai pm il 20 ottobre 2015. “In seguito alle riunioni effettuate a bordo delle navi non sono stati redatti documenti, o resoconti scritti”, si legge però tra gli atti. Poco importa. Il processo ormai è morto. E così la Uil, che non fornisce spiegazioni per la mancata querela, si dice “soddisfatta per il non luogo a procedere”.

di Andrea Ossino

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
Lo dice il sottosegretario

La Pa assumerà 25 mila dipendenti esperti di digitale

La Pubblica Amministrazione cerca esperti in nuove tecnologie e dirigenti: a dirlo, ieri, il sottosegretario alla Pa, Mattia Fantinati, che ha fornito le prime stime: “Credo che servano almeno 25 mila nuove risorse provenienti da un percorso di studi espressamente tecnico-informatico” ha detto. Ha poi aggiunto che si sta cercando una soluzione per rimediare ai ritardi nell’individuazione del responsabile per la transizione al digitale, una figura “chiave” che però a oggi risulta assente in tre amministrazioni su quattro. Con lo sblocco del turnover, slittato al 15 novembre 2019, dovrebbero entrare nello Stato “150 mila” nuove leve l’anno, di queste un sesto dovrebbe tradursi in assunzioni 2.0. Con il ddl Concretezza, ora all’esame della Camera “abbiamo espressamente previsto – ha detto Fantinati – che ci debbano essere assunzioni in via preferenziale di quelle figure tecniche e di esperti in Ict che oggi mancano alla Pa”. Intanto il ministero sta tentando di aiutare i singoli enti a nominare il cosiddetto ‘capo hi-tech’, la figura dirigenziale che deve occuparsi della loro digitalizzazione e di cui solo il 26% delle amministrazioni si è dotato.

Politica

Pd, i tre sfidanti partono dal voto “sgonfia-Calenda”

Economia

Tim, per farmi levare un numero era meglio se telefonavo a Kafka

Boom di assunti stabili, ma salgono i disoccupati
Economia
I dati Inps

Boom di assunti stabili, ma salgono i disoccupati

di
“La crisi al Giornale è la fine del berlusconismo”
Economia
Editoria/2

“La crisi al Giornale è la fine del berlusconismo”

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×