Se non fosse per l’intervento sopra le righe del viceministro Lorenzo Fioramonti e per l’intemerata del battitore libero Alessandro Di Battista, visto da questa sala congressi del centro di Roma, il governo gialloverde avrebbe già perso la sua metà. Come musica di sottofondo hanno scelto la hit di Alice Merton, No roots, ma tutta la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Testatina 0123

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next