ICinque Stelle ribaltano l’agenda politica con un paio di colpi mediatici: la questione libica – i barconi, le tragedie, i migranti – diventa la questione francese. Il vicepremier Luigi Di Maio riprende il discorso di Alessandro Di Battista (domenica su Rai1) sul comportamento colonialista di Parigi e apre un nuovo fronte di scontro: “Quelli che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

cattiveria

prev
Articolo Successivo

“È il Renzi francese”: l’assalto concordato al nemico perfetto

next